You are currently browsing the category archive for the ‘Informatica’ category.

Oramai questo non è più un blog, è diventato un qualcosa su cui buttare 2 o 3 pensierini almeno una volta l’anno. Soprattutto quando ci si annoia e non si sa che cazzo fare. E oggi è uno di quei giorni…

Dunque, un anno fa esatto davo le dimissioni dal posto più infame presso cui abbia lavorato. Pensavo ad un anno sabbatico durante il quale avrei deciso ed organizzato meglio il mio futuro. Non resistetti nemmeno un giorno, telefonai ad un ex-collega che lavora da casa per dargli una mano, nel caso ne avesse bisogno. Fu un’esperienza davvero interessante, ebbi modo di capire quanto ci si fa il culo se lavori da casa e, allo stesso tempo, come sia comunque più rilassante, come ci si possa organizzare meglio il tempo e come si potesse stare così bene senza leccaculo o rompicoglioni nello stesso ambiente (vabbè, tralasciamo il fatto che pagano, quando lo fanno, a babbo morto). Così avevo deciso: mi metto anche io in proprio. Ricevetti un fraccaio di offerte di lavoro (avevo messo il cv su monster.it e, devo ammetterlo, funziona a meraviglia. Ad una di queste risposi, ma solamente perchè avevo sentito che un amico era stato contattato. Così mi sono detto: “ma sì, ci facciamo un giretto a Milano“, senza nessuna intenzione di fare bella figura. Avevo i capelli lunghi fino alle spalle (aaaargh!), decisi di mettermi un vestito, ma volli tenere le nike ai piedi e una terribile maglietta, sembravo la versione chic/choc del Grande Lebowski.

Ahò, nonostante mi fossi impegnato ad essere arrogante, superficiale fingendo persino un pochetto di cialtroneria, questi mi richiamano e mi offrono un contratto, chiedendomi quanto vorrei essere pagato. Io sparo una cifra pensando che “tanto non accetteranno mai“, e invece…

Ora è quasi un anno che sto in questo posto e, memore delle esperienze passate, mi sono fatto una discreta idea di com’è il mondo della consulenza informatica in italia: di merda. Vi spiego il perchè in pochi semplici passaggi:

  1. classismo: il consulente ha sempre meno diritti rispetto ad un interno ma in compenso si fa il culo doppiamente. Spesso non ha internet o ha dei limiti, deve pagare una mensa che per altri è gratuita (per fortuna si hanno rimborsi pranzo o ticket restaurant), non ha un posto per il parcheggio.
  2. tecnologie obsolete: si sa, l’IT in questo paese ridicolo, è indietro di 15/20 anni, nella migliore delle ipotesi, questo perchè nelle aziende presso cui presta servizio hanno personale vecchio e poco competente, spesso restio alle innovazioni tecnologiche; ovvero siamo quasi a java 6 e OVUNQUE si usa ancora e solo la versione 4…
  3. capiprogetto incompetenti: sì, non è una novità, spesso sono ex-programmatori piuttosto scarsi che credono di aver vinto al superenalotto, idioti gesticolanti il cui unico punto di forza è il saper leccare bene i culi giusti. una vocazione, non fa per me.
  4. mobilità inutile: ma cristo, c’è internet, possibile che un programmatore non possa fare il suo lavoro da casa? si risolverebbero problemi di traffico e tempi morti (i nostri). forse hanno bisogno della presenza in loco per avere qualcuno da vessare, fra un’inutile riunione ed un’altra.
  5. squallido competitivismo: questi ambienti di lavoro logorano i consulenti, che si sentono un po’ figli di nessuno e spesso iniziano gare al fioretto (meglio la sciabola) fra poveracci, col solo scopo di farsi “adottare”.
  6. mobbing: ah, all’inizio tutti amici, quasi una famiglia coi tuoi colleghi veri (cioè pagati dalla tua stessa azienda e che lavorano come te in consulenza). poi il capo inizia con una promessa, che ti fa in via confidenziale ma che è la stessa che fa a tutti e che non sarà mai mantenuta, a meno che tu non ne sia meritevole (cioè infame leccaculo ipocrita e spia).
  7. hardware terrificante: che tu abbia una postazione data dall’azienda o che tu abbia un portatile non tuo, avrai certamente delle fetecchie, come minimo un monitor che ti farà diventare cieco nel giro di un paio d’anni, un mouse che scatta, una tastiera con tasti inutilizzabili; nel caso tu abbia un portatile, se non è un lenovo o un thinkpad o robetta di fascia bassa, sei certamente un baciapile.
  8. cene aziendali: chi le ha inventate spero che ora sia in galera o sia morto; è vero, c’è del comico, e per fortuna non paghi tu, ma vedere lo spettacolo di miserabili che sprecano ettolitri di saliva non è bello (e l’umidità non è salutare).
  9. le autorizzazioni: cioè, tu ti devi fare un mazzo così e scopri man mano che per fare quella cosa devi avere l’autorizzazione per accedere alla tal macchina, roba da fare diventare vecchi prematuramente!!

In realtà di motivi ce ne sarebbero tantissimi, ma ora come ora non mi vengono in mente, e poi dovrei cambiare il titolo del post, troppa fatica…

Quindi cosa farò da grande? Ecco un bell’argomento per un futuro post, magari lo scrivo domani, o fra un anno.

artista.jpg

Eh già… Dall’anno nuovo mi sono liberato del canone Telecom e sono passato a tele2 (in minuscolo esattamente come il servizio offerto). Una fregatura sotto ogni punto di vista!

  1. Per uso telefono i suoni sono metallici ed a volte si sentono echi che sembra di essere imprigionati in una grotta.
  2. Usano filtri per il P2P, ci si scazza a dover ridirezionare le porte ogni tanto.
  3. L’adsl funziona quando le pare e riprende magicamente a funzionare dopo una telefonata-uragano contro un helpdesk imbecille che crede di essere un esperto dopo minaccia di rescissione del contratto.

Non fate la cazzata: solo Alice e Fastweb, per il fatto che hanno l’ultimo km. fino a casa, garantiscono un servizio e, soprattutto, non si prendono la briga di rompere i coglioni e decidere di testa loro. Deve usare il nostro router, avrà sbagliato a configurare, va contro le procedure… Ma quali procedure? Dovete fornirmi un servizio che pago! Non fatevi prendere per il culo: se smette di funzionare dall’oggi al domani alzate la cornetta e urlate forte. Io rescindo, mi pago la penale perchè ne ho abbastanza di grandi fratelli.

Auf wiedersen!

P.S.: speriamo nella denuncia di cui ha parlato recentemente Repubblica.it, che trovate qui, e stiamo attenti a tutti i risvolti di cui si accenna sull’articolo.

Sssh, zitti… 😀

Non è un nuovo post, lo sembra, ma… Davvero: non lo è!

blue-screen-of-death.gif

Io mi chiedo: ma cosa glie ne frega a marcio$oft se ho icone inutilizzate sul desktop? Sarò libero di utilizzarle quando più mi pare e piace? Sono link, meno di 1k l’uno, chettefrega? Stanno lì, tranquille, nel posto più importante che possa essere loro concesso, colorate, quasi per dire siamo qui e siamo fike. Forse nemmeno a loro frega se le debba utilizzare più o meno spesso. Ma a winzozz interessa. E più aumenta di versione, più è recente per intenderci, insomma… a Vista interessano davvero un sacco di cose su di me. Si premura che io abbia dei file multimediali firmati digitalmente, per tutelare i diritti d’autore. Ma se l’autore sono io che succede? Qualcuno lo sa? Non mi fa vedere i video da me prodotti o la musica che faccio? Chissà cosa ne farà delle mie cache, è coprofago?

Piuttosto: esistono ancora pc senza Vista? Esiste Cubase per linuzzo? Che noia…

linux-logo.png 

Sostenere l’Open Source è un dovere di ogni programmatore, per cui posto questo contributo:

Dopo la massiccia risposta al sondaggio tra i propri clienti, risposta che invocava Linux sui PC Dell, la società ha deciso di fare un secondo sondaggio ponendo delle precise domande:

– su quale tipo di pc o laptop si vorrebbe avere Linux pre-installato
– qual’è l’attività prevalente per cui si pensa di utilizzare il pc
– quale lingua si vorrebbe di default
– che tipo di supporto si vorrebbe per un pc certificato Linux
– quale distribuzione Linux è considerata prioritaria

Il sondaggio è aperto sino al 23 Maggio.

Penso sia l’occasione buona per farci sentire in massa.
Ricordiamoci che Dell è il maggior venditore di PC al mondo e che questa è forse un’occasione irripetibile per dare una fortissima spita all’espansione di Linux.

Il link è il seguente:
Linux Learnings: we’re Listening

avatar_grin.jpg

Mi sto appena installando il client dopo essermi iscritto; alla fine, avendo ricevuto via mail l’indirizzo di Second Life, non ho potuto fare altrimenti… L’ho provato un oretta e, debbo dire, ci ho capito poco o nulla, ho perso tempo a vestirmi, a modificare il mio avatar, peraltro senza vedere risultati, poi mi sono teletrasportato a “casa” e sono finito in una discoteca: il grande numero di texture mi ha fatto rallentare ed infine crashare il gioco, fantastico!!! C’è qualcuno che può darmi una mano almeno per iniziare? Magari mi cerco qualche documento, nel frattempo. Ah, ho guadagnato un dollaro senza fare nulla, pare che i soldi che si guadagnino siano reali, mah…

Tanto per iniziare è inutile che vi dica di cosa si tratta, visto che c’è Wikipedia.

italia_it.gif

Pare che ne stiano parlando tutti, e male, del portale che dovrebbe promuovere il turismo del nostro paese all’estero. Quindi mi sono fatto un giro e subito ho notato che mi si richiede di aggiornare il player di flash… maddechè? Poi su un link c’è scritto, giuro, questo link apre a una nuova finestra con contenuto non accessibile (bugia, si apre e la cartografia funziona)… Ma si può?

Poi ho visto i sorgenti… Aaaargh!!! Porzioni di javascript con commenti in mezzo all’html, ce n’è una per trimmare una stringa (non ci credevo, ma è così), la dicitura inizio testata e inizio partaimo (te la darei io una testata, partaimo anzichè partiamo), fogli di stile usati come da programmatori junior neoassunti, accessibilità manco a parlarne! E meno male che l’ha fatto IBM, che ha prodotti tali per cui fare una robetta del genere si impiegano 2 mesi, per stare larghi. VERGOGNA, coi nostri soldi!!!

45 milioni di euro??? Un euro è mio, e lo rivoglio indietro! Ci mettevamo io, bobpuley e jesty e l’avremmo fatto certamente ad un costo decisamente inferiore… Anche 50 mila euro a cranio per un anno sarebbero bastati. Invece ci ha pensato un certo Pugia, che ringrazio, e linko il suo blog qui.

Eccovi il lavoro, ben fatto e, soprattutto gratuito (nel senso che l’ha fatto senza prendere una lira e decisamente meglio) di Pugia: confrontatelo con l’originale, è identico come facciata, ma fatto moooolto meglio (è anche design tabless)…

PUGIA SEI UN GRANDE!!!

P.S.: scopro ora che un altro blogger, ramsesoriginal (non potevi chiamarti ramsescopy?) ha scritto un post molto simile al mio lunedì, ma nonostante abbiamo opinioni molto simili non ho copiato da lui. Eppure è quasi impaginato nello stesso modo… Paura!!! Vabbè, è doveroso rollarlo, quantomeno!

Il mio amico bobpuley mi ha inviato questo link, non poco inquietante. Io sono sempre stato un sostenitore di questo motore di ricerca e di tutto ciò che gli gira intorno e che sta rivoluzionando il web. Eppure mi inquieta un po’…

russiaconamore.jpg(foto: jamesbond007.net)

Ho ricevuto stamattina questa mail: ho subito pensato fosse spam, ma non aveva alcun allegato, solo questo testo. L’ho letto, mi pare fatta bene come truffa, sempre che lo sia. Ho cercato lo pseudonimo su Google ed ho trovato solo un post su un blog italiano, molti su stranieri.

Attendo opinioni:

Dear Friend,

Please excuse me for this letter.
My name is Valentin. I’m student and I live with my mother in a small
town Kaluga, Russia. My mother cannot see and she receive pension very
rare which is not enought even for medications.
I work very hard every day to be able to buy necessities for my mother,
but my salary is very small, because my studies still not finished.
Due to deep crisis authorities stoped gas in our district and now we
cannot heat our home. I don’t know what to do because the winter is
coming and the temperature becomes colder each day.
I am very afraid that the temperature inside our home will become very
cold and we will not be able to survive.
Therefore I finded several e-mail addresses and thank to the free
internet access in our local library I decided to appeal to you with prayer
in my heart for small help.
If you have any old sleping bag, warm blanket, warm clothes and shoes,
medicines from cold, I will be very grateful to you if you could send
it to our postal address which is:
Valentin Mikhayline,
Ryileeva, 6-45.
Kaluga. 248000,
Russia.If you think that it would be better or easier for you to help with
some money, please write me back to my email valenmik@nextmail.ru and I
will write you how to send it safely, if you agree. In this case I will
be able to buy a portable stove and heat our home during the winter.I hope to hear from you very soon and I pray that you can help us. I
also hope very much that this hard situation will become better in our
region very soon.From all my heart I wish you a Happy New Year 2007. I wish that the New
Year will bring hapiness in your family and all your dreams come true.
Valentin and my mother Elena.
Kaluga. Russia.
E-mail: valenmik@nextmail.ru

 – in continuo aggiornamento!

Tempo di bilanci, anzi, sono quasi in ritardo, oramai… Visto che lo fanno in tanti lo faccio anche io. No, non intendo evadere le tasse, nè rubare, nè vendere fuffa, voglio solo fare un classificone delle cose più e meno di questo 2006 oramai alle spalle (occhio… 😀 ).

Allora iniziamo e poi, se sarà il caso, allungheremo questa lista con altre stupidate.

Avvenimento dell’anno: la cattura di Bernardo Provenzano (meglio tardi che mai).

Il momento più brutto: la Juve in B.

Miglior momento per la mia città: i giochi olimpici invernali di Torino.

Miglior momento sportivo: la vittoria ai Mondiali di calcio in Germania.

Miglior momento politico: la sconfitta elettorale del berlusca.

Trasmissione televisiva dell’anno: la Pupa e il Secchione (ma giuro che con i reality ho smesso).

Talk Show: il grande Talk (rai3, non mi pare ce ne siano altri).

Serie TV: Medium.

Libro dell’anno (letto nel 2006): Reduce, di Giovanni Lindo Ferretti.

Applicazione Web 2.0 dell’anno: Google Mail (o Gmail, che sfrutta bene Ajax).

Blog rivelazione: per me lo sono un po’ tutti, ma quello di Grillo l’ho seguito molto quest’anno…

Novità nella blogosfera italiana: kefflash!

Il mio gadget dell’anno: certamente il mio i-pod da 30 giga!

Personaggio femminile:

  1. Beatrice Borromeo: una nobile di sinistra, appena appena snob, ma molto acuta.
  2. Elisabetta Gregoraci: dal nulla allo sputtanamento, dallo sputtanamento alle luci. immeritate, un pessimo esempio.
  3. Kate Moss: vedi sopra, con l’aggiunta di aver reso famosa l’inutile garage band (i Babyshambles) del suo fidanzato/pusher.

Personaggio maschile:

  1. Hugo Chavez: il suo discorso alle Nazioni Unite è stato un grande discorso, ironico ed amaro, sul presidente degli Stati Uniti. Sta facendo molto per il Venezuela e la sua gente.
  2. Al Gore: per l’impegno profuso per il film di imminente uscita sul surriscaldamento globale, An Inconvenient Truth.

Film:

  1. V Per Vendetta.
  2. Super Nacho.
  3. Clerks 2.

Album:

  1. Mary J. Blige – The Breakthrough
  2. Jay Z – Kingdome Come
  3. Snoop Dogg – Tha Blue Carpet Treatment

Canzone più irritante: ex aequo fra Applausi Per Fibra di Fabri Fibra, e Dentro A Una Scatola di Mondo Marcio, rispettivamente le parodie di Eminem e 50 Cent, tanto stupidi quanto inutili (e lontani anni luce da quelli che imitano).

Tormentone dell’annoSvegliarsi La Mattina, degli Zero Assoluto, raccomandati e mortalmente noiosi, e Stop! Dimentica di Tiziano Ferro, plagio di Fade To Grey dei Visage e qualcos’altro degli ’80’s.

marzo: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Accessi al blog

  • 121,084 hits

Top Clicks

  • Nessuna