Ebbene sì, non c’è proprio niente da fare, sono incostante. Quando una passione si affievolisce semplicemente la mollo, la lascio andare via, o in qualche maniera la riciclo.

Avevo dato per morto questo blog, irrimediabilmente. Erano mesi che non postavo nulla, che nemmeno mi collegavo alle statistiche. Dicevo fra me e me “ma chi vuoi che venga a leggere le stronzate che scrivo“, a parte quei 4 amici reali o virtuali della blogosfera.

Sì, ho anche avuto altro a cui pensare, alla musica certamente, su cui sono ritornato a riversare tutta la mia passione, al lavoro che ho cambiato.

A me stesso, che non è poco, per evolvere.

Oh, quante cose sono successe, dovessi mettermi qui a scrivere non saprei nemmeno da che parte iniziare, e quindi non lo farò di certo. Ma ci sono. Sì, leggo meno blog, più che altro cerco “argomenti” cercando di non fidelizzarmi. Evito inutili e sterili polemiche. Limito i giudizi (sono in una fase di perdita di giudizio). Non c’è nulla da capire, tutto sembra chiaro. Anche le necessità sembrano identificate, finalmente. Vivo la quotidianità con un ottimismo puberale, mettendo in risalto il bello e cercando di non farmi più buttare giù dalle negatività.

Tutto qui, molto banale.

Il mondo sta cambiando, io sto cambiando.

Buona vita!

Advertisements