prisma.jpg

La coscienza… Se dovessi dare una definizione personale su questa parola direi semplicemente che è un processo attraverso il quale il nostro ego riconosce l’esistenza di qualcosa o qualcuno, e delle sue esigenze. Esiste una coscienza collettiva, che hanno gli animali, basti pensate a quegli animali che si muovono in branchi o in stormi, ed una coscienza individuale, che abbiamo noi umani. Noi riconosciamo noi stessi: grandioso e allo stesso tempo limitante, se ci imbrigliamo in selezioni sbrigative su ciò che ci calza e ciò che è lontano da noi, o lo crediamo tale. Dobbiamo re-imparare ad avere coscienza di tutte le meraviglie che ci circondano, di amarle e rispettarle, cose-animali-persone che siano.

Vabbè, avevo iniziato bene, ora mi sono perso; il pensiero, come spesso accade, è più veloce del pigiamento di tasti, quindi taglio corto e vi lascio ad una cosa che ho trovato su un interessante sito, non scritta da me, che ho trovato davvero molto bella e che voglio condividere con voi:

La Luce interiore è un dono divino che ogni persona porta in sé, anche quando ne ha perso la consapevolezza. Per risvegliare la Luce interiore che c’è in te impara a posare il tuo sguardo con lo stesso amore su un sasso e su un gioiello, su un bambino e su un assassino. Osserva le cose come sono e non come ti sembrano. Apprezza ogni cosa e percepiscine la connessione con il Tutto. Sorridi anche quando sei triste. Cerca il bello in ogni persona. Respira con consapevolezza. Ama senza chiedere nulla in cambio. Offri il tuo tempo gratuitamente. Man mano che acquisirai destrezza in questi comportamenti il tuo corpo, il tuo sguardo e il tuo volto cambieranno e la Luce che hai dentro si diffonderà non solo in te, ma anche intorno a te.

Funziona davvero! 😀

(già immagino le espressioni facciali di qualcuno, perplesso… e rido!!!)

Annunci