You are currently browsing the monthly archive for gennaio 2007.

chaint.jpg

L’avevo già notata in giro questa catenella di santantonio, ed avevo cercato di usare tutte le precauzioni possibili per non caderci dentro. Eppure… mi hanno nominato (maledetto Jenaridens, dovevo capirlo dal nick che non dovevo fidarmi!).

Vabbè, togliamoci ‘sta cosa in fretta:

  1. nonostante io consideri me stesso comunista e non mi piacciano le interferenze della Chiesa nella politica, mi interesso di storia e biografie, spiritualità, metafisica e religioni, non senza passione ed entusiasmo;
  2. ho dei video musicali su youtube di quando cantavo con un gruppo, ma non ho il coraggio di linkarli sul mio blog (ebbene sì, è grave?);
  3. non ho mai letto il Tractatus Logico Philosophicus di Ludwig Wittengstein, anche se il mio amico bobpuley ha provato più volte a spiegarmi qualche postulato (lui ha una terribile mente matematica…); l’unico che abbia capito è l’ultimo, che cito continuamente: su ciò di cui di cui non si può parlare è meglio tacere;
  4. sono pigro come quasi nessuno che abbia conosciuto in vita mia;
  5. ho ripreso da poco a cantare in un gruppo e mi sono reso conto che, nonostante continui ad avere ancora una buona tecnica, sono senza fiato… aaargh!!

Ahò, Jena, vedi di accontentarti, lo so che come segreti non sono un granchè. Se vuoi posso aggiungere che mi piace mangiucchiare un sacco di porcherie ogni giorno: punti stabili sono majonese e qualunque tipo di dolce (tranne le meringhe o robe talmente dolci da essere nauseanti).

Quindi nomino… E se interrompessi la catena???? 😀

Lei è Maria Grazia Buccella, riesumata dal programma cult Cocktail D’amore. Per chi se l’era dimenticata ecco una rinfrescata alla memoria, per chi, come me, non la conosce ecco una buona occasione per colmare questa lacuna. E che porti bene, visto che la canzone che interpreta, con voce e altro, si chiama Il Ballo Del Popò

Mai più senza, come la rubrica di Cuore (c’è ancora qualcuno che se lo ricorda?).

E scusate l’assenza, ma sono in crisi politica!!!

Omaggio a Diana Krall, grande interprete talentuosa di standards jazz, già moglie di Elvis Costello, che dal vivo canta Cry Me A River.

Scoreggiare fa bene al cervello.

Apprendo dal sito dell’Ansa che uno studio olandese sull’acido folico, prodotto dalla vitamina b12 contenuta in molte verdure, fra le quali i fagioli, ha stabilito che l’assunzione di questo acido ringiovanisce le cellule cerebrali

Dopo Muccino, m’uccido!

Alcuni amici e colleghi hanno visto il film La ricerca della felicità: è la storia di uno che perde il lavoro, la moglie, resta solo con il figlio piccolo ed alla fine diventa ricco. Quindi, secondo Muccino, felicità=ricchezza. Ci mancava il film sul sogno americano visto da un italiano, ma abbiamo colmato anche questa lacuna.

Parlate di me, esisto!

Il sindaco di Cerignola, ridente (?) paesino della provincia di Foggia, si è fatto sentire contro la produzione di una fiction cu Garibaldi, accusandola di aver fatto interpretare la parte di un vigliacco ad un attore suo compaesano. Cosa non si fa per un po’ di vetrina, basta una polemica inutile e qualcuno che la raccolga.

Ieri sera Le Iene hanno trasmesso un servizio di Pif davvero succulento: è andato il 14 gennaio dal senatore a vita Giulio Andreotti il giorno del suo compleanno per donargli una targa commemorativa; recava la scritta:

Via Giulio Andreotti

(insigne statista)

visibile, ma coperta da un foglio vi era l’aggiunta che diceva testualmente:

(che fino al 1980 ha tenuto

relazioni amichevoli e dirette

con esponenti mafiosi di spicco)

L’imbarazzo di Nosferatu era palpabile, si arrampicava sui vetri. Non nego che un po’ mi abbia fatto godere. Ma è uno stupido premio di consolazione.

La prescrizione non è utile come dovrebbe, non aiuta certo le persone comuni che, quando e se, incappano nella giustizia anche per una sciocchezza, o sono costretti a patteggiare o pagano semplicemente. Perchè non hanno le risorse economiche che possano permettergli di portare avanti un processo, come magari hanno personaggi illustri e potenti. Gli esempi sono talmente tanti che solo talpe e struzzi non riescono a focalizzarli. Perchè permette, pagando, di allungare i tempi, di insabbiare o almeno provarci, di prendere i migliori e più costosi avvocati difensori. E, soprattutto, di farla franca

Mentre stavo leggendo la bacheca del blog ho notato che fra i Top Post del giorno ce n’era uno dal titolo “STRONZI!” che ha immediatamente attirato la mia curiosità. Poi, leggendolo, ho capito che era la risposta ad uno scherzo, la recensione del suo blog da parte di suoi amici. Autoreferenzialità. Così ho pensato: “Ma basterà una parolaccia per rendere il proprio blog più visibile?”. Mi sono risposto sì e così ho pubblicato questo inutile e minimale post. Chissà che poi non venga anche io recensito dai blogkillers, chissà che poi anche io possa riuscire a portare uno dei miei post nell’olimpo dei più visti… 🙂

P.S.: ho già preparato post intitolati “Vaffanculo”, “‘A bucchin ‘e sorreta”, “Fottiti”, “Suca” e “Puttanona”, se funziona questo…

Non è proprio una novità, una notizia fresca, ma i Queen sono tornati in attività nel 2006 con Paul Rodger alla voce. Una difficile eredità la sua, nonostante una carriera consolidata negli anni (era nei Free, quelli di All Right Now, e nei Bad Company, prima band prodotta dalla label dei Led Zeppelin) ed una voce possente rockblues.

Dalle recensioni dei concerti ho letto che, tutto sommato, è piaciuto ai fan, ma cosa penseranno quando vedranno il nuovo disco, ora in preparazione, negli scaffali dei negozi? Non potevano più semplicemente cambiare nome? Mah… Staremo a sentire.

Ad ogni modo queste riflessioni mi hanno fatto venire in mente una band ancora underground, gli Electric Six, che qualche anno fa sono usciti con una cover dei Queen, Radio Ga-Ga. Negli USA hanno un discreto successo, soprattutto per i loro video assurdi, e questo è senz’altro catalogabile come tale: Dick Valentine (il cantante, spero per lui sia uno pseudonimo) interpreta Freddy Mercury con tanto di dentoni posticci e pantaloncini aderenti, ma ciò che fa troppo ridere sono gli altri membri della band, interpretati da… barboncini (e quello che fa Brian May gli somiglia davvero!).

Per i fan dei Queen: non vi offendete, a nessun Freddy è stato fatto del male per realizzare questo video. E non provate a farlo a casa!

Posto questo video che mi ha passato il mitico bobpuley: molto divertente, anche se credo che in realtà sia girato in playback, visto che verso la fine il tipo che fa il dj non può fare quello che fa con quel semplice giradischi 😉

Comunque geniale!

(foto: adnronos) (foto: adnkronos)

Il giallo del massacro di Erba ha avuto la sua soluzione: gli assassini sono i coniugi Romano. Hanno confessato. La donna ha ucciso il piccolo Youssuf.

Ora tutta Italia si interroga su questo orrore, su come una donna con un viso così dolce e sereno possa essere stata autrice di un simile barbaro delitto, accuratamente premeditato. Su come un uomo possa sgozzare tre persone come se fossero capretti per una lite condominiale, su un odio cresciuto dolcemente negli anni nel cuore dei due assassini. Su come entrambi decidano di andare da Mc Donald’s per costruirsi un alibi, posto amato e frequentato dai giovani. Sul perdono dato da Beppe Castagna, figlio, fratello e zio delle vittime, agli autori dei delitti, sui propositi di vendetta manifestati da Azouz Marzouk, marito e padre di due tra le vittime, nei confronti degli stessi.

Tutto questo per invidie, gelosie, rancori inutili di chi non riesce a costruirsi una vita propria, di chi è abituato a scaricare sul prossimo le proprie frustrazioni, di chi è incapace di amare la vita, la propria per i fallimenti rimediati, quella degli altri per le mete raggiunte. Comprendo sia il perdono che la vendetta da parte delle vere vittime, quelli come Beppe e Azouz che sono costretti a continuare la propria vita nell’orrore di aver perso tutto ciò che ne da un senso: l’amore delle persone che amiamo.

Spero che la gente stia loro vicina, soprattutto ad Azouz che è colui che ora ha certamente più bisogno di comprensione e  rispetto.

Spero che Beppe spieghi ad Azouz il significato di ciò che ha detto, che la vendetta non porta a nulla se non ad altra vendetta, un circolo vizioso che bisogna imparare ad interrompere sempre.

duce-e-hitler.jpg(foto: http://www.freewebs.com)

E’ l’ultima trovata dei simpatici omuncoli di destra alla voce revisionismo storico, tema a loro molto caro e del quale negli ultimi anni si sono fatti paladini.

Il dinamico duo BorghezioSgarbi, dal podio della trasmissione culturale Buona Domenica in onda su Canile 5, sono arrivati, mano nella mano, a dire che l’Italia deve chiedere scusa alla famiglia Mussolini/Petacci sulla loro sommaria esecuzione senza processo nè legge (visto su Blob, che vi credete? Che guardo programmi di questo genere?).

A parte che al limite dovrebbe essere la famiglia Mussolini a scusarsi con gli italiani per aver portato il paese in una guerra assurda e averlo schierato dalla parte dei cattivi. Gli americani c’erano a Piazzale Loreto, e a loro andava bene così.

Certo, l’abbiamo fatto con Craxi, perchè non dovremmo farlo con Mussolini? Forse per una questione etico-morale, posto che conti ancora qualcosa… Mussolini ha certamente fatto qualche cosa di buono per il nostro paese, se abbiamo un wellfare lo dobbiamo anche a lui. Ma è la storia che lo ha giudicato, la gente… Basta cazzate sui partigiani, soprattutto se vengono da figli di famiglie nobili, ricche e filofasciste da anni.

Sono avvenimenti di 60 anni fa, l’Italia di allora non è quella di oggi. E la storia dovrebbe essere analizzata con meno superficialità, soprattutto da politici e soloni. Nè, tantomeno, da chi, durante la guerra, ha riparato in Svizzera, e non sono pochi…

policlinico_discarica.jpg (foto: http://www.rai.it)

Dai, non ditemi che vi siete davvero stupiti per il clamore delle immagini degli scantinati del policlinico Umberto I° di Roma! Potrei capire l’indignazione, non lo stupore. Perchè sono almeno decine di anni che gli ospedali versano in queste condizioni; con ciò non intendo che non debba essere fatto nulla, solo mi sembra un po’ tardivo e ipocrita fare moralismi su questo argomento.

Soprattutto ciò che mi ha infastidito è la campagna voyeristica  che sta portando avanti Striscia, che spia medici, paramedici ed infermieri che si prendono una pausa per fumare o per un caffè (poi quando si autoreferenziano – siamo stati i primi a parlarne – o quando i conduttori fanno le prediche sono davvero insopportabili). Le megastrutture di questi impianti ospedalieri sono tali da non venire incontro a queste legittime esigenze, visto che per trovare un posto adatto per fumare e farsi un caffè spesso è necessario percorrere parecchi metri.

La sanità costa e se si è a questo punto la causa è da addurre ai tagli e alla mancata manutenzione ordinaria.

Piuttosto Striscia si chieda perchè il suo editore, già Presidente del Consiglio del passato governo, sia andato ad operarsi all’estero…

gennaio: 2007
L M M G V S D
« Dic   Feb »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Accessi al blog

  • 121,084 hits

Top Clicks

  • Nessuna